5/11/2006

Vecchio ragazzo come va..



" Dopodomani è un altro giorno..chè domani,

sai, devo cercare di capirlo.. "


Esistono almeno due buone ragioni per fantasticare - e nulla più..- sull' ALTRO..
quando un partner già lo si avrebbe, fino a prova contraria..:

1-per la sindrome dell' innamoramento perpetuato nei secoli dei secoli, per la quale:

" Quando ci esco, vorrei avere la sensazione di un primo appuntamento appena concluso, di quelli che quando rientri in casa e conosci il suo cognome, ti metti lì a far le prove scritte con il tuo nome di battesimo "

sindrome, va da sè, propendente al femminile..e

2-per reazione alla sindrome di quelli che ' aduncertopuntoscatta ': il non mi accontento anche se ho tutto.

E se la regola riguardo alle suddette ' patologie ' somiglierebbe molto alla prima del Fight Club

- ma anche alla seconda -,

ogni donna dovrebbe però tenere a mente che solo Chuck Norris, a quanto pare, può spifferare uscendone illeso, laddove invece lei, in uno iato di seppur eroica sincerità con lui, verrebbe miseramente fraintesa.

Perciò ECCOLE, dunque, sfilare : le maschere di certe First lady che proteggono sorreggono, distendono i propri uomini in difficoltà immaginaria, altrimenti detta sindrome da insofferenza all' Argan.

Con sintomatologia alla ' Mi sveglio alle 11 già stanco '

e alla ' Non mi va non mi va ' che nemmeno Vasco.

Con peinture del proprio quotidiano che porrebbe sullo stesso piano il

' Poi non mangio, chè mi è passato anche l' appetito '

con il ' Poi vedo la ragazza, ci guardo un film e va così: bene come al solito '

Daltronde lui, l' aduncertopuntoscatta, non avrebbe alcun problema di coppia, con ogni probabilità, perchè:

" Tu non c' entri niente amore, non dipende da te.." le balbetterebbe, dopo che quell rarità vocale gli sarebbe stata prelevata con la forza..

Lui, insomma, l' amerebbe pure.. se non fosse per quella sua signora insofferenza, per quel male di vivere, quella sindrome da Van Gogh, quella noia sovrana, il capriccio, il bambino..finito lì per caso, nel bel mezzo della vita di un ' amomenti30enne '.

E mentre lei comincia a diffidare del fatto che il solo poker, o certe creature online, possano aver defraudato il proprio uomo del diritto sulla vita spensierata,

mentre è sempre lei che tenta goffamente di offrire quel bicchiere mezzo pieno a lui che: " Niente, è come se non avessi niente" risponde,

un film, a tratti, o forse una canzone..la guidano lontano, verso un sogno, un uomo nuovo..

Ma nulla può competere con quell' amore vero, per quanto un pò imbronciato, spossato dall' atmosfera lì sul divano. In casa come altrove, allo sportello delle poste come fra la braccia di lei, che comunque non molla, continua, da esimia stakanovista sentimentale, a rimandare la sua vita perchè domani deve cercare di capire..

A sorridere nelle occasioni mondane - sempre più rare in realtà..- e a guardarsi bene dal consigliare un chècchessia

- chè la pronta risposta cinico-telegrafica sarebbe a dir poco un " Non dirmi quello che dovrei fare "-.

Il suddetto esemplare, insomma lui dicevo, in quelle condizioni annovererà ogni dove, ogni come, ogni quando e ogni persona nella tanto detestabile area delle proprie abitudini, in un
immenso slancio di drammaticità.

Eppure, lei, la nostra instancabile Mrs Senso di responsabilità, che non può e non vuole permettersi di mandare a rotoli una Mrs Storia tanto seria, forse troppo, ma pur sempre la sua storia,

non farà altro che restargli accanto, senza esagerare con la parlantina, senza dare nell' occhio spento e insofferente del suo uomo sull' orlo di una crisi immaginaria. Senza esserci, stando lì.

Daltronde, si sa, un' insignificante i-pod, l' ultimo programma e mezzo di photoshop, la villa in Toscana, la moto, la Roma..il cane, il giornale, un cornetto la mattina..non strappano via la noia da una persona.

Dal grezzo al diamante, dal ragazzo della via Gluk che và in città, all' amministratore delegato, dall' universitario al chirurgo primario.

Ad un tratto serpeggierebbe, fra tutti ma proprio tutti, la sindrome dell' ' Eppur qualcosa non si muove '.

Del resto, onestamente, ' a un certo punto scatta ':

mentre si sta crescendo, quando sarebbe il momento di scegliere, quando si dovrebbe smettere di rincorrere la sorte sperando in un immediato risultato, quando la si dovrebbe solo tentare, la sorte. Lanciarvisi a capofitto, con quel coraggio di giocare, che dovrebbe essere proprio di chi tutte le carte giuste, in mano, già le ha..

Temporaggiare è un' illusione. Pericolosa. Nulla si ferma. Sta continuando ad andare, anche ora, domani..

Ma "..dopodomani è un altro giorno", si dicono spesso certe donne,".. intanto cerco di capirlo". E forse scordano la propria vita.

Daltronde sono innamorate.. chissà poi , PERO', per quale arcano mistero, ribaltando la medaglia..l' uomo non dimostri tutta questa sacrosanta pazienza..

"Avesse capito tutto..", ci chiediamo.. " quella storia dell' egoismo produttivo.. "

Al dunque ci basta trastullarci, sulle note di quella vecchia canzone che ci conduce lontano.

E' suficiente che ce la modelliamo indosso quel tanto che basta, con un rosso fra le mani, e ancora tanto, troppo amore..

Vecchio ragazzo come va/ beato chi ti conosceva già

prima che ti andasse via dagli occhi tutto quel mare..

quando ogni giorno pareva un anno/ tutti gli anni insieme una passeggiata

vecchio ragazzo, quando eri giovane e disperato.

Come la luce da un finestrino di treno/ la vita rincorre la sorte,

un giorno morde più piano/ il giorno dopo pìù forte

ma per l' acqua di quel miraggio/ quanta strada da fare..

Ma forse siamo solo noi/ che non sappiamo viaggiare..

5 Comments:

  • At 1:40 PM, Blogger Nittalope said…

    Mamma mia...

    Complicate, eh, queste relazioni?

    ;D

    Faccio degli appunti sugli errori di ortografia?? :P

    ... comunque... no... per ora no... non sono in questa condizione... non avendo nessuna persona da poter sfiancare di noia... ... e adesso rileggo sto post e cerco di capirlo...

     
  • At 7:37 PM, Blogger Comante Eginetico said…

    la verità è che l' ho scritto di fretta..ultimamente non ho tempo manco per respirare, per cui ho deciso di buttare giù quel che viene, appena salta fuori il quarto d' ora libero..

    Ma ho intenzione di correggerlo, ORA.
    Non mi soddisfa PER NIENTE.

    Però le relazioni sono complicate, questo sì..

    Cià!

     
  • At 11:18 AM, Blogger Nittalope said…

    AH!!

    ... un blogger mutante!!!

    Ma non eri Sara?

     
  • At 5:40 PM, Anonymous Anonimo said…

    chiunque tu sia, hai visto chi ci copia, uno famoso, non faccio nomi?
    ciao
    Stmod

     
  • At 6:44 PM, Anonymous sara said…

    Tutttttapppostooo!!! Oh. Mannaggia a me, e a quando lascio i commenti dai pc non miei.
    Sono Sara, d' oc, garantisco.

     

Posta un commento

<< Home